Saggio su Vasilij Grossman

Questa pagina è una lettura critica di Ferdinanda Cremascoli sui due romanzi (*) di Vasilij Semënovič Grossman, che costituiscono la dilogia di Stalingrado.


(*) Il primo romanzo della dilogia è pubblicato in italiano col titolo Stalingrado, il secondo è Vita e destino.

Il primo romanzo superò le molte difficoltà create dalla censura sovietica, e fu pubblicato in URSS nei primi anni Cinquanta col titolo Per una giusta causa (Za pravoe delo). Il secondo romanzo, Vita e destino (Zhizn i sudba) fu sequestrato dal KGB  nel 1961 e fu pubblicato soltanto negli anni Ottanta, prima in Europa e poi in Russia.

Grossman Multimedia

La pagina sviluppa la lettura della dilogia grossmaniana in forme diverse: iI saggio, ampio e articolato :sui due romanzi, il podcast che ne è la versione audio, i video su pagine salienti del testo, e infine – NOVITA’ – una webserie sulla politonalità del racconto.


Sfogliate il capitolo, col gesto o usate le frecce (anche da tastiera)

Vasilij Grossman Edizioni digitali- Stalingrado

Pagine dal saggio

Il saggio di F. Cremascoli è stato scritto tra il 2016 e il 2020. In italiano la traduzione del primo romanzo è del 2022. Questo è il motivo per cui troverete che le citazioni del primo romanzo sono tratte dalla traduzione francese, Pour une juste cause (PGC), che è del 2000.

La dilogia di Stalingrado

La dilogia di Stalingrado narra una storia di guerra, di guerra popolare, di resistenza popolare, tesa nella speranza di conquistare “dopo” condizioni di vita meno povere e finalmente libere. Ma narra anche la storia di come questa speranza andò in fumo, e nello stesso tempo si costruì una bugia, quella della “Grande Guerra Patriottica”: la memoria di Stato, oggi noi diremmo la “narrazione” di Stato, annientò o mutilò le memorie altre, che pure esistono. E Vasilij Grossman restituisce loro la voce. 



Eraldo Affinati recensisce Stalingrado.

Claudia Zonghetti in “Tradurre Stalingrado

Mi piace: