Le abitudini domestiche: lotta all’entropia e bisogno di razionalità. Le abitudini domestiche sono rito quotidiano delle nostre madri; buona battaglia contro la polvere, il disordine; lotta contro l’entropia delle case; ma anche segno di un bisogno profondo di fiducia, nella chiarezza mentale nella razionalità nella semplicità. Per questo le abitudini domestiche sono tenaci e commoventi.

Ma attenzione a non idealizzare le mamme di noi figlie che siamo nate negli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso. Le abitudini domestiche di lotta contro l’entropia devono avere una misura, la razionalità non è solo una casa linda. Insomma anche le mamme hanno dei difetti! 

E… non lasciatevi coinvolgere troppo. Sul profumo delle polpette di mamma proustianamente evocato, … io ho ceduto!

Le abitudini domestiche

Un corsivo spiritoso e lunghetto (1325 parole), ma anche intenso di Flavia Perina, pubblicato su LaStampa del 18 settembre 2022.

A me, a noi, a quelle della mia generazione non succederà: la badante la assumeremo subito, al primo malanno serio, e chisseneimporta se lava i piatti alla polacca (insaponandoli a secco) o alla peruviana (insaponando e sciacquando pezzo per pezzo neanche fosse al torrente): nessuna, credo, qualifica il lavoro domestico come elemento di identità o addirittura dovere esistenziale. Ma per le nostre madri è un’altra cosa. La frase «cerchiamo una badante» è il campanello del fine partita, lo spettro dell’inutilità, la certificazione di un definitivo declino. «La badante no!» è la frase che ognuna si è sentita ripetere, in tutte le sue variazioni: caccia questa badante, sono stufa di questa badante, ho mandato via la badante. E si dovrà, anche qui, certificare una sostanziale differenza maschio/femmina perché l’uomo anziano, e persino il vecchissimo, con la badante ringalluzzisce, si raddrizza, e una immaginaria fotogallery del “prima” e “dopo” mostra signori pre-badante accasciati in tuta sul divano che si trasformano, post-badante, in canuti damerini con la camicia stiratissima e il bastone, pronti per il loro giretto sottobraccio a Irina, Magali, Marcela, Katia. Leggi di più

Scopri di più da ItalianaContemporanea IC

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading