La teoria dell’evoluzione: caso vs progetto intelligente. È una delle quattro letture dal saggio di Marco Salucci, Dalla mela di Newton all’arancia di Kubrick, pubblicato da Thedotcompany Edizioni.

Le altre letture nel podcast Letture in onda.

Guida all’ascolto

Per mantenere desta l’attenzione mentre si ascolta un discorso è sempre utile la tecnica degli appunti. Si tratta di scrivere una scaletta di ciò che via via si ascolta. Vi proponiamo quindi di ascoltare il brano Lo zio N’ba N’ga completando la scaletta qui sotto.

1. Lettura del brano di Calvino
2. Charles Darwin stesso ha discusso le obiezioni alla sua teoria dell’evoluzione; il problema è: caso vs progetto intelligente .
2.1 l’evoluzione non compatibile con organi rudimentali, inutili o perfetti.
2.2 La risposta di Darwin:
a) organi rudimentali: mutamento delle condizioni ambientali;
b) l’evoluzione rende inutili certi organi quindi sono state indotte modificazioni senza importanza per il benessere della specie; quindi…
c) La terza obiezione, l’esempio dell’occhio. Qui Darwin affronta l’obiezione del cosiddetto progetto intelligente… quindi?
3. Oggi la tesi del progetto intelligente è presentata in relazione al cosiddetto principio antropico: considerata l’enorme quantità di variabili e di eventi che all’inizio della storia dell’universo doveva andare per il verso giusto affinché si producesse la vita intelligente, se ne ricava che non può essere per un caso che noi siamo qui e che, quindi, esiste un Progettista Intelligente.
3.1 Ma il principio antropico può essere interpretato anche in altro modo. Spiegazione: lotteria di capodanno. Esempi: batteri e antibiotici; scimmia e macchina per scrivere.
4. Auctoritates che sostengono la tesi della casualità
a) Jorge Luis Borges
b) Jacob F., Evoluzione e bricolage
c) Simplicio
5.Se fosse vera la teoria del prg intelligente le grandi estinzioni che hanno segnato la storia della vita sulla terra avrebbero dovuto essere occasionali, mentre la storia della vita è soprattutto una storia di grandi estinzioni.
6. L’obiezione della casualità: neppure un lancio di dadi è governato dal caso. Un sistema in cui, apparentemente, opera il caso è un sistema caotico. L’equivoco nasce dal fatto che si pensa che in un sistema caotico non vi siano leggi. Ma un sistema caotico non è un sistema privo di leggi, al contrario è governato da leggi complesse che agiscono in condizioni complesse.
7. il supercomputer della Guida galattica….

Scopri di più da ItalianaContemporanea IC

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading